Il Catania tra voglia di riscatto, rabbia per errori arbitrali e polemiche interne…

di Enrico Cantone Commenta

Poteva essere un -5 con una partita in meno: col pareggio a Bisceglie, invece, il Catania ha sciupato un’occasione d’oro non approfittando del sorprendente 2-2 casalingo del Lecce, in casa contro l’Andria. Gli etnei restano così a -7 dalla vetta dopo una vittoria svanita in pieno recupero e, soprattutto, con la consapevolezza di aver gettato due punti al vento visto il dominio assoluto nella trasferta pugliese.

lucarelli catania

C’è di più: ora è ufficiale il rientro del Trapani che ha agganciato gli uomini di Lucarelli al secondo posto. Eppure alle falde dell’Etna non c’è intenzione di arrendersi. Lo Monaco è convinto che anche gli episodi arbitrali abbiano inciso, e non poco, sul pareggio subito in extremis a Bisceglie: dal gol annullato a Ripa a un probabile rigore non fischiato su Curiale, senza dimenticare la punizione inesistente da cui è scaturito l’1-1.

Insomma, c’è consapevolezza che la squadra, che comunque ha ottenuto 8 punti nelle 4 partite successive al vergognoso 5-0 di Monopoli, possa reagire. Ma la sua parte deve farla anche Lucarelli: a molti è parso troppo rinunciatario l’atteggiamento nel finale della partita col Bisceglie, un cambio modulo che ha favorito l’assalto finale dei padroni di casa proprio come era accaduto la scorsa settimana contro la Reggina, in casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>