Clamoroso ad Alessandria: via Braglia, arriva Pillon

di Enrico Cantone Commenta

A tre giornate dal temine, lo scenario che nessuno si sarebbe mai immaginato: l’Alessandria è seconda in classifica e Piero Braglia è stato esonerato. Semplicemente incredibile, considerato che dopo il girone d’andata la promozione dei “grigi” in Serie B non era di certo scontata, ma almeno probabilissima visto il cammino (47 punti in 19 partite) e il vantaggio sulla Cremonese, seconda (+10 dopo il 18esimo turno).

pillon

Il 2017 è stato invece disastroso: nelle 16 partite disputate nel ritorno, l’Alessandria ha rimediato ben 6 sconfitte e portando a casa solo 7 vittorie per un totale di 24 punti. Giovedì scorso, allora, è arrivato il sorpasso: mentre i piemontesi non andavano oltre l’1-1 a Viterbo (secondo pareggio di fila), la Cremonese espugnava Prato. +1 in classifica per i grigiorossi, margine preziosissimo con sole tre gare da disputare.

A pagare è stato Braglia: il tecnico è stato esonerato, il presidente Luca Di Masi ha valutato varie candidature (circolavano i nomi di Reja e Torrente) prima di affidare la squadra a Bepi Pillon. L’ex allenatore del Chievo ha firmato un contratto valido fino al termine della stagione, il primo obiettivo è quello di vincere le ultime tre partite di regular season, sperando in un passo falso della Cremonese: “Non stravolgerà nulla, lavorerò soprattutto sull’aspetto mentale. La squadra ha grandi qualità, possiamo vincere tutte e 3 le partite che mancano e se non sarà sufficiente affronteremo i playoff al meglio. Chiedo ai tifosi di starci vicini. Vannucchi? Sarà ancora lui il portiere, gli errori possono capitare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>