Il Livorno torna in Serie B, basta un pari con la Carrarese per festeggiare la promozione

Davanti a 9mila spettatori presenti allo Stadio Picchi, il Livorno ha festeggiato la promozione in Serie B con una giornata d’anticipo. Giochi fatti, quindi, in testa al gruppo A di Serie C dove i labronici hanno tre punti di vantaggio sul Siena quando c’è da giocare una sola partita. Anche in caso di arrivo a parità punti, il Livorno la spunterebbe per gli scontri diretti a favore.

vantaggiato

E’ stato un sabato emozionante: gli amaranto non sono riusciti a battere la Carrarese, considerato che il derby si è chiuso sull’1-1. Tra parentesi è andato in rete Vantaggiato, uno dei grandi protagonisti di questa stagione assieme ai due veterani Luci e Valiani. Mentre gli uomini di Sottil non riuscivano a conquistare il bottino pieno arrivavano però splendide notizie da Siena, dove i padroni di casa cadevano sotto i colpi del Piacenza (0-2). Ai bianconeri sarebbe valso un punto per tenere aperto il discorso relativo al primo posto fino all’ultima giornata.

E’ stata, comunque, una stagione travagliata per il Livorno: dopo un inizio sprint è arrivato il calo ad inizio del girone di ritorno che ha determinato l’esonero di Sottil alla 30esima giornata. Quattro partite con Foschi in panchina, tre k.o. di fila e la decisione di richiamare il tecnico piemontese. Che, alla fine, si è goduto il meritato trionfo. Il Livorno torna in Serie B dopo due stagioni in C.

Serie C, Girone A: colpo dell’Alessandria a Livorno ma il Siena non ne approfitta

E’ stata una 22esima giornata ricca di sorprese quella del Girone A di Serie C. La più clamorosa arriva ovviamente da Livorno: gli amaranto, primi in classifica, hanno ceduto 1-0 alla lanciatissima Alessandria, alla sesta vittoria di fila e ora saldamente in zona playoff. Ha deciso un gol di Gonzalez dopo appena un minuto di gioco.

piacenza

Il Livorno può, per ora, dormire ancora sonni tranquilli: alle sue spalle nessuno ne approfitta in pieno. In particolare il Siena non va oltre l’1-1 interno col Gavorrano ultimo in classifica: al gol di Marotta replicano nel finale gli ospiti con Dalmonte. La Robur resta quindi lontana sei punti dalla vetta. I bianconeri mantengono invece 3 e 4 lunghezze di vantaggio su Viterbese e Pisa che si annullano a vicenda (0-0) nello scontro diretto giocato nel Lazio.

Da segnalare allora il balzo in avanti del Monza che batte 1-0 la Lucchese in casa e aggancia al quinto posto la Giana Erminio (a sua volta fermata sull’1-1 a Cuneo). In zona salvezza spicca la vittoria del Pro Piacenza tra le mura amiche contro la Pistoiese (1-0), mentre si allontana dalle zone calde della classifica l’Arzachena, capace di espugnare Pontedera con un secco 2-0. Nel prossimo turno spicca un interessantissimo Alessandria-Siena, col Livorno impegnato a Pistoia.

serie c girone A

Serie C, Girone A: il Livorno vince e allunga a +12, pari tra Siena e Pisa

Anche il Girone A di Serie C chiude la sua prima parte di stagione (si tornerà in campo a fine gennaio) ed emette quindi le prime sentenze: il Livorno, in questo caso, sembra lanciatissimo verso il ritorno in B.

siena-pisa

Gli amaranto hanno infatti battuto il Prato, ultimo in classifica, 2-0, con entrambi i gol nella ripresa: Seminara e Vantaggiato lanciano il Livorno a +12 sulle seconde in classifica. Sì, perché al Siena, bloccato sull’1-1 nel derby col Pisa (che resta quindi dietro di una lunghezza in classifica), si è aggiunta la Viterbese, capace di battere 1-0 l’Arzachena tra le mura amiche, grazie al gol ad un quarto d’ora dalla fine di Vandeputte.

In piena zona playoff si confermano Olbia e Monza: emozionante la vittoria dei sardi (4-3 al Gavorrano), i brianzoli dal loro canto regolano 3-1 la Pistoiese in una partita dove tutte le emozioni si concentrano durante il primo tempo. Tanti gol anche nella sconfitta del Giana Erminio (brutto 4-2 rimediato ad Arezzo), bel colpo della Carrarese che batte 1-0 in trasferta la Pro Piacenza.

Nelle zone più calde della classifica spicca l’1-0 (Dell’Agnello) del Cuneo sul Piacenza, mentre il Pontedera è corsaro a Lucca (3-2) e si porta fuori dalla zona retrocessione, agganciando a quota 24 Alessandria, Lucchese e Arzachena.

serie c gruppo a

Serie C, 1°giornata Girone A e B: esordio show dell’Arzachena, bene Vicenza e Livorno

Dopo avervi raccontato quanto successo nel Gruppo C in questo articolo, la prima giornata di Serie C è continuata domenica con gli incontri dei Gruppi A e B. Anche in questo caso le sorprese non sono mancate, a partire dalla difficoltà con cui l’Alessandria, reduce dalla cocente delusione dello scorso anno ma pur sempre tra le favorite, è riuscita ad arpionare in extremis un punto a Pontedera (a segno il solito Gonzalez per l’1-1 finale).

pontedera-alessandria

Nel Gruppo A spicca soprattutto la gran vittoria dell’Arzachena: 3-2 ad Arezzo per i sardi che bagnano nel migliore dei modi il debutto assoluto tra i professionisti. Bene, invece, il Livorno di Sottil che rimonta in casa contro il Gavorrano. Cade il Pisa di Gautieri ad Olbia (1-0), mentre il Siena si aggiudica 1-0 il derby contro la Lucchese.

Nel Gruppo B, invece, da segnalare la bella partenza della “neo-retrocessa” Vicenza che schianta 3-0 il Gubbio con doppietta di De Giorgio. Stesso punteggio con cui il Renate ha umiliato una delle candidate alla promozione in Serie B, il Padova, comunque in buona compagnia col Modena, battuto 2-0 dalla Sambenedettese (in rete anche Troianiello). Brutto esordio anche per un’altra favorita della vigilia, la Reggiana, battuta 2-1 tra le mura amiche dalla Feralpisalò.

Sottil: “Col Livorno ho visto cose buone”

Soddisfatto a metà mister Sottil al termine dell’incontro contro il Livorno. Il Siracusa ha fatto la sua partita spendendo molto e impegnandosi quanto più possibile al cospetto di un avversario che ha fatto dei giorni di preparazione in più e dello spessore tecnico l’arma in più.

 

Queste le dichiarazioni di Mr. Sottil sulla prova del suo Siracusa contro il Livorno. “Ho visto un buon Siracusa per i primi 25’ di gara. Abbiamo giocato bene e con ordine senza subire il gioco del Livorno fino alla mezz’ora circa, poi, – dice l’allenatore – man mano che passavano i minuti il Livorno è venuto fuori ed è il che si sono notati i giorni in più di preparazione. Ci dispiace uscire della competizione perché ci tenevamo parecchio. Da martedì tutti di nuovo a lavoro per continuare la preparazione in vista della prima di campionato. Campionato che rimane il nostro obiettivo”.

Livorno-Siracusa, per la Coppa e per la storia

Dopo il passaggio del primo turno di Coppa Italia, adesso il Siracusa si troverà di fronte una squadra di primissimo livello, il Livorno di Walter Novellino, per una sfida in programma nel pomeriggio. Livorno e Siracusa, in campo per la seconda gara di Tim Cup, si sfideranno anche per la storia. Eh sì, perché tra il 1949 ed il 1981 amaranto e azzurri si sono confrontati per ben 9 volte. I confronti risalgono tutte a gare di campionato e riguardano sia la serie B sia la serie C.

Gli scontri in serie cadetta sono inerenti alle stagioni 1949/50 – 1950/51 – 1951/52 ed in tutte e tre i campionati il Siracusa s’impose dentro casa (4-1; 2-1;1-0) ma perse fuori casa. Il passivo più pesante, in serie B, fu nella stagione 1949/50 quando gli azzurri persero per 4-0. Diverso ma non di molto il discorso in serie C. In 6 scontri il Siracusa ha sempre ben figurato tra le mura amiche del “De Simone” (4 vittorie e 2 pareggi). Al “Picchi” una sola vittoria, per 1-0, nella
stagione 1957/58. Intanto, in occasione della sfida contro il Livorno, ha parlato Davide Moi, uno dei giocatori di maggiore spicco della formazione siciliana: “Contro il Teramo l’obiettivo era quello di passare il turno e ci siamo riusciti nonostante qualche difficoltà. Andremo a Livorno con la consapevolezza di affrontare una squadra di serie B ma comunque motivati e convinti delle nostre capacità”, ha detto Davide Moi.

“Andremo a giocare in uno stadio glorioso e contro una squadra di categoria superiore e questo da già uno stimolo in più. Andiamo a giocarcela – continua il difensore azzurro – e siamo ottimisti”.

Lumezzane, che colpo! Arriva Volpato

Colpo ad effetto del Lumezzane che nell’ultimo giorno di mercato si è assicurato le prestazioni del bomber Rej Volpato, attaccante veronese classe ’84 cresciuto nel settore giovanile della Juventus.

La carriera – Volpato esordì con la maglia del Padova in Serie C1, nel campionato 2003-2004 in cui totalizzò 18 presenze ed un gol. L’anno successivo venne acquistato dalla Juventus, con la quale giocò una partita di Coppa Italia e vinse, sempre nella stessa stagione, il Torneo di Viareggio.

Nella stagione 2005-2006 venne ceduto in prestito al Siena e, con la squadra toscana, a soli 19 anni, esordì in Serie A il 18 settembre 2005 nella partita Siena-Palermo finta 1-2 per i siciliani e, sempre con i toscani, segnò anche i suoi due primi gol in serie A nella vittoria 1-2 contro l’Udinese.

Nella stagione successiva la Juventus lo girò all’Arezzo, squadra di Serie B, con la quale giocò 22 partite, segnando 6 gol. Il 4 luglio 2007 venne acquistato in comproprietà dall’Empoli, per un milione di Euro. Con i toscani nella stagione 2007-2008 giocò solo 13 partite di campionato e 2 di Coppa UEFA. Il 9 giugno 2008 venne riscattato dalla società torinese ed il 1 luglio ceduto a titolo definitivo, con accordo di compartecipazione, al Bari.