Serie C, girone C: buon punto della Reggina nel recupero della 3°giornata a Viterbo

La sosta invernale terminerà ufficialmente nel fine settimana ma c’è qualcuno che è già sceso in campo. E’ il caso di Viterbese e Reggina che hanno disputato il recupero della terza giornata: è finita 1-1, con un pareggio che tutto sommato non è disprezzabile per entrambe le squadre.

viterbese reggina

Meglio la Viterbese durante il primo tempo: i padroni di casa sfiorano il vantaggio in due occasioni con Saraniti e Sini, ma al 33′ riescono a concretizzare il predominio territoriale con Vandeputte: il belga chiude alla perfezione un contropiede condotto magistralmente da Saraniti che, poco prima dell’intervallo, va vicino al gol del 2-0: bravo Confente nell’occasione.

La Reggina si sistema meglio in campo e, pur senza creare grossi pericoli (si segnala una conclusione di Ungaro a inizio ripresa) dà l’impressione di poter trovare il pareggio da un momento all’altro: il gol arriva all’80’, sugli sviluppi di un calcio d’angolo: è Viola a ribadire in rete di testa, da due passi, dopo che Sandomenico aveva respinto la conclusione di Tulissi.

Tulissi e Viola costruiscono un’altra palla gol nel finale, ma il pareggio è il risultato più giusto: la Reggina resta saldamente in zona playoff col quinto risultato utile consecutivo, mentre la Viterbese (che deve recuperare altre sei partite) si tira fuori dalla zona play-out.

Caso Reggina-Catania, parla il presidente Praticò: “Episodio deprecabile”

Ha fatto il giro d’Italia lo striscione apparso sabato sera, al Granillo di Reggio Calabria, durante la partita tra Reggina e Catania. La rivalità sportiva tra le due città dura ormai da anni, eppure mai si era scesi così in basso. Non bastassero i cori e gli insulti ai napoletani urlati negli stadi di mezza Italia, ora anche la tifoseria del Catania deve “sopportare” quello che nelle menti deviate di alcuni personaggi dovrebbe essere uno sfottò.

reggina pratico

Così si è inneggiato all’Etna e alla sua lava per coprire Catania intera. Qualcosa di inaccettabile, in qualsiasi contesto e con qualsiasi intenzione. Il risultato sportivo è così passato in secondo piano: la Reggina di Maurizi è riuscita a portare a casa un prezioso 2-1, portandosi in piena zona play-off (settimo posto in solitaria), obiettivo che se centrato sarebbe già un grosso risultato per la società amaranto.

Nonostante ciò sta tenendo banco solo la questione striscioni, tanto che è dovuto intervenire anche il presidente della Reggina, Praticò: “Tutto ciò è deprecabile, non c’entra nulla con il calcio. Spero che i ragazzi della curva tornino a tifare senza portare danno al club e agli altri tifosi. In un momento di difficoltà sociale come questo, un episodio del genere non può essere tollerato”.

La Carrarese si arrende al gol di Missiroli

REGGINA – CARRARESE 1-0

  • Vince la Reggina di Roberto Breda la sfida di Coppa Italia contro la Carrarese davanti agli oltre 2000 presenti per il battesimo interno della squadra dello Stretto. Decide Missiroli su rigore con gli amaranto che accedono al terzo turno di Tim Cup dove troveranno il Modena per un gustoso anticipo della prima giornata di Serie bwin. Andiamo subito in cronaca. Grande partenza della Reggina che ha sfiorato il vantaggio dopo pochi secondi con Campagnacci. Il gol arriva al 18′ quando Bonazzoli, trattenuto in area da Vannucci, guadagna un calcio di rigore realizzato da Simone Missiroli. Al 30′ la Carrarese di rende pericolosa con una punizione di Giovinco sulla quale si fa trovare pronto Christian Puggioni, abile a respingere in tuffo. Al 42′, poi, bella combinazione tra Bonazzoli e Campagnacci con il secondo che prova a concludere in porta di tacco ma la sua finezza e stoppata dal marcatore con il piede di richiamo e l’azione sfuma. Ancora Reggina pochi istanti prima della fine della prima frazione. Sponda di Bonazzoli per l’accorrente De Rose, blocca sicuro Gazzoli. Emozioni anche nel secondo tempo. Al “Granillo”, Reggina e Carrarese hanno continuato ad affrontarsi a viso aperto. Ottimo avvio degli ospiti pericolosi con Giovinco e Gaeta. Sul primo è bravo Puggioni, sul secondo l’estremo difensore amaranto è addirittura super respingendo a terra. Reagisce con carattere la Reggina che orchestra una splendida azione sull’asse Missiroli-Rizzato-Bonazzoli con il capitano che manca d’un soffio l’impatto con il pallone. Amaranto ancora ad un passo dal raddoppio prima con Rizzato, poi con Missiroli: bravo Gazzoli ad opporsi. A sei minuti dal termine, Orlandi impegna severamente Puggioni, bravo a deviare in angolo con un intervento acrobatico. Dopo tre minuti di recupero, Velotto manda le squadre negli spogliatoi tra gli applausi del pubblico amaranto.

    Questo il tabellino dell’incontro:
    REGGINA: Puggioni; Adejo, Cosenza, Marino A., Barillà (dal 24′ s.t. Castiglia), Rizzo (22′ s.t. Viola N), De Rose, Rizzato; Missiroli; Campagnacci(dal 31′ s.t. Ceravolo), Bonazzoli. A disposizione: Marino P., Carroccio, Bombagi, Viola A. Allenatore: R.Breda.
    CARRARESE: Gazzoli, Bregliano(dal 35′ s.t. Bagnai), Vannucci, Pacciardi, Benassi, Pasini, Orlandi, Corrent, Cori (dal 19′ Merini), Gaeta, Giovinco (dal 24′ s.t. Ballardini). A disposizione: Nocchi, Bagnai, Trocar, Taddei, Conti. Allenatore: S.Sottili
    Arbitro: Sig. Velotto di Grosseto
    Ammoniti: Vannucci (C), Pacciardi (C)
    Marcatore: 18′ Missiroli su rig.

Cosenza, contro la Cavese anche biglietti a 5 euro

Nonostante sia immente la delicata sfida contro la Cavese, in casa Cosenza è sempre al centro delle discussioni il mercato. E proprio dalla società è arrivata l’ufficialità della cessione, a titolo definitivo, del calciatore Antonio Rizzo (difensore, classe 1981) da parte della società Reggina Calcio SpA al Cosenza. Contestualmente, la società rossoblù riferisce della cessione del difensore Alessandro Bernardi alla società Reggina Calcio SpA secondo la formula del titolo temporaneo con opzione di partecipazione.

Per i tifosi

Verso la Cavese – Ecco, intanto, l’elenco dei 18 calciatori convocati dall’allenatore Mario Somma in vista dell’incontro Cosenza-Cavese di domenica 16 gennaio 2011.

MARINO Pietro, DE LUCA Francesco, MATTEINI Davide, FOGOLARI Wagner, RAIMONDI Gabriel, THACKRAY Kris, UNGARO Gaetano, RIZZO Antonio, DE ROSE Francesco, ROSELLI Fabio, FIORE Stefano, SOMMARIO Serafino, FIORE Adriano, MAZZEO Fabio, BIANCOLINO Raffaele, DEGANO Daniele, VISCARDI Salvatore, ESSABR Oussama.

Acerbi miglior giovane della Lega Pro

Un premio è sempre un premio, anche se arriva a quasi un anno di distanza. Il giovane difensore Francesco Acerbi è stato eletto “Miglior giovane calciatore dell’Anno” della Lega Pro relativamente alla stagione sportiva 2009/2010. Lo ha deciso una giuria composta da 60 giornalisti sportivi nazionali. Davvero un bel riconoscimento per il difensore che oggi milita nella Reggina, ma che lo scorso anno era stato lanciato in Prima Divisione nelle fila del Pavia. La premiazione si terrà a Benevento nel corso dell’Italian Sport Awards, giunto alla sua seconda edizione.

La manifestazione, che ha come obiettivo quello di valorizzare le attività sportive ed agonistiche creando una importante vetrina per attività e protagonisti del mondo dello sport, si concluderà il prossimo 13 dicembre.

“Per me è una grandissima soddisfazione – ha confessato Acerbi dalle pagine del sito ufficiale della Reggina – e mi ripaga dei tanti sacrifici fatti la scorsa stagione. Ringrazio profondamente chi mi ha votato. È un vero onore ricevere questo premio”.

Un premio che arriva proprio alla vigilia della delicata sfida con l’Albinoleffe in programma oggi pomeriggio al “Granillo”. L’obiettivo è festeggiarlo con una bella vittoria. Servirebbe a risollevare il morale.