Calcioscommesse interrogatorio Ruopolo 4 giugno 2012

di Samuel 0

 Il primo riscontro che arriva da indiscrezioni riportate dalle agenzie riferisce che nel corso dell’interrogatorio di lunedi 4 giugno 2012 a Francesco Ruopolo, calciatore sottoposto agli arresti domiciliari nell’ambito dell’inchiesta sul calcioscommesse, la punta avrebbe di fatto ammesso i fatti a lui imputati.

Davanti al gip Guido Salvini, l’ex AlbinoLeffe avrebbe confessato la sua partecipazione al taroccamento delle partite, raccontando anche che, nel caso di Albinoleffe-Frosinone, restituì i soldi in quanto non era stato raggiunto l’over concordato in quanto non era stato segnato un terzo gol.

Ruopolo ha raccontato ai magistrati qualche dettaglio relativo alle modalità di combine:

“Posso spiegare come il risultato di 2 a 0 per il Pisa fu facilitato. L’accordo era che non prendessimo gol nei primi 15 minuti e questo non fu difficile perchè giocammo con impegno. Riducemmo l’impegno nella fase successiva specialmente nel secondo tempo e questo fu proprio necessario perchè il Pisa non giocava granchè soprattutto sotto porta”.

Ricevette in cambio 15mila euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>