Una class action dei tifosi del Benevento

di Francesco 1

Più di mille tifosi del Benevento hanno deciso di avviare una class action contro la società. Il motivo del contendere sono i biglietti staccati per la gara di Martina Franca di domenica. Ecco su cosa puntano i beneventani. 

Il Benevento, nella partita contro il Martina Franca ha la prima possibilità di guadagnare la promozione in serie B ma tutti i biglietti emessi e pagati sono stati annullati per via di una disposizione del Gos di Taranto che ha deciso di limitare a 250 spettatori la capienza del settore ospiti. I biglietti vendibili erano invece almeno 700. 

In realtà la situazione è più complicata di quello che si possa pensare. Il Martina Franca, infatti, ha annunciato la disponibilità ad aprire le porte dello stadio ai tifosi beneventani, anche oltre il settore degli ospiti. L’idea era quella di fare il pieno d’incassi sapendo che i campani si sarebbero trasferiti in massa per tifare la loro squadra in odore di promozione. Il Gos di Taranto, invece, aveva vietato la vendita dei biglietti per altri settori dello stadio, a tutti i residenti della provincia di Benevento. A complicare ulteriormente il quadro anche la vendita record di biglietti: prima della pronuncia del Gos la prevendita aveva fatto registrare il sold out.

Che fare? I tifosi giallorossi sono molto arrabbiati perché rischiano di non poter seguire la loro squadra in una trasferta importante ai fini della promozione in B. Il Benevento, infatti, al momento guida la classifica del girone C della Lega Pro e ha già 4 punti di vantaggio sul Foggia e 6 punti di vantaggio sul Lecce. Le speranze di promozione, quindi, sono collegate anche ai risultati degli avversari. Per festeggiare la promozione con qualche partita d’anticipo deve sperare che Foggia e Lecce non vincano.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>