Da Macalli alle penalizzazioni, le cose più interessanti della LegaPro

di Francesco 0

Dal Corriere dello Sport leggiamo della pioggia di penalizzazioni che ha interessato la Lega Pro e leggiamo anche delle dichiarazioni di Macalli che tengono sempre vivo questo settore calcistico. Ecco in che modo. 

Lega Pro, fioccano le penalizzazioni

ROMA – Fioccano le penalizzazioni: il TFN ha tolto 2 punti al Barletta, uno a testa a Savoia, Ischia e Venezia. Adesso toccherà a Reggina, Novara, Savona e Aversa Normanna. Chi rischia di più, dai due ai quattro punti, sono Reggina e Novara: per i calabresi, significherebbe certificare la retrocessione in D; per i piemontesi (a cui vengono contestati pagamenti in ritardo relativi a maggio-agosto 2014…) significherebbe cedere il primo posto, oggi diviso con il Bassano, e rischiare anche di scivolare fuori dai play off.

Macalli: «Parlo dopo l’ergastolo…»

Mario Macalli è arrivato alle 14.40 nella sede della Figc di via Campania per essere giudicato dal Tribunale Federale Nazionale (sezione Disciplinare) per il caso Pergocrema. Il presidente della Lega Pro deve rispondere di due violazioni dell’articolo 1 bis del Codice di Giustiza Sportiva (principi di lealtà e correttezza) relativi al caso Pergocrema, il vecchio club della sua città che dopo pochi mesi fallì e scomparì dai professionisti. Macalli avrebbe, secondo l’accusa, ritardato il pagamento dei contributi (diritti tv) e sarebbe venuto meno ai principi di imparzialità “pilotando” la nascita di un nuovo club a Crema cedendogli uno dei marchi che aveva provveduto a registrare ben prima che il vecchio Pergocrema fallisse. Rispondendo a chi gli chiedeva un commento prima dell’udienza, Macalli ha risposto con una battuta: «Non parlo ora, lo farò dopo l’ergastolo…».

Con una squalifica superiore ad 1 anno, Macalli decadrebbe dalle cariche di presidente della Lega Pro e vice presidente della Figc; con un’inibizione superiore ai 6 mesi, tuttavia, da statuto della Lega Pro il suo vice dovrebbe automaticamente indire una nuova assemblea elettiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>