Giorgio Veneri selezionatore Italia Lega Pro

di Samuel 1

Giorgio Veneri, selezionatore dell’Italia Lega Pro, è un personaggio che di calcio mastica da sempre. Fin da quando, allora calciatore dell’Atalanta, pestava i tacchetti sull’erba cercando di tornare utile nella zona nevralgica del campo, la mediana.

Da lì alla carriera da allenatore, è stato un impulso, un’indole, una propensione colta sui campi da calcio dislocati lungo la penisola.

In occasione dell’impegno amichevole tra Italia Lega Pro e under 19, pare doveroso spendere due parole su chi presta esperienza professionale alla Nazione.

Attualmente, al fianco di Veneri lavora il commissario tecnico campione del Mondo, Marcello Lippi, che ha deciso di provare (e occorre capire se sarà una scelta cui dare continuità oppure una parentesi circoscritta nel tempo in attesa di una opportunità differente) un’esperienza diversa.

Alla ricerca di nuovi talenti sparigliati per l’Italia – che in futuro possano magari ricalcare le gesta dei vari Baggio, Totti e Del Piero – il ruolo che ricopre Giorgio Veneri è di quelli importanti e intrisi di valore.

Settantadue anni, mantovano, ex centrocampista orobico degli anni ’60 con nove anni di militanza nelle file atalantine (dove ha raccolto solo 30 presenze tra serie A e serie B con un gol all’attivo) e una stagione al Como (4 gettoni, un gol). La carriera di allenatore è iniziata nel 1976, quando Veneri debuttò da tecnico alla corte del Pergocrema.

Dopo tre anni a Crema, l’esperienza prosegue tra Derthona, Fanfulla, Mantova, Casarano, Spal, Legnano, Fiorenzuola, Prato, Leffe, Sampdoria (stagione 1998-1999 in coppia con l’ex calciatore inglese David Platt) e, in ultimo, la Nazionale di Serie C.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>