Macalli va da Palazzi per un affare che scotta

di Francesco 0

Il direttore generale uscente della Lega Pro, Francesco Ghirelli, avrebbe segnalato un argomento scottante su cui indagare (*). Se ne parla perché il dossier è finito sul tavolo del procuratore federale Stefano Palazzi che lo ha portato a Mario Macalli, presidente della Lega Pro.

Mario Macalli che adesso sta esaminando il dossier su fatti segnalati dal direttore uscente della Lega Pro Ghirelli(*). Macalli è criticato perché in passato ha frequentato dei marchi da cui era meglio se stava lontano.

Il contenuto del dossier Ghirelli è secretato per il momento ma Palazzi continua ad indagare per vederci chiaro. Il tutto mentre per lui dovrebbe arrivare la conferma alla carica fino al termine del quadriennio olimpico. La Lega Pro è un terreno molto difficile ed ha diversi problemi, soprattutto economici nell’ultimo periodo.

Per esempio la sede di Firenze che è stata acquistata con grandi propositi qualche anno fa ed è considerata il fiore all’occhiello della gestione Macalli, adesso è al centro di una storia ancora da chiarire. Sembra che ci sia di mezzo un precedente fallimento, sottovalutato al momento dell’acquisto. Si occuperà di tutto un curatore fallimentare che andrà a chiedere ai responsabili qualche milione di euro.

Palazzi, intanto dovrebbe vedere qualche cambiamento tra i suoi vice e la prova del nove la darà l’indagine su Lotito che in Lega aveva detto qualche parola di troppo a Marotta. Adesso si aspettano le conclusioni della giustizia sportiva, il deferimento sarà effettuato ma la rapidità delle conclusioni è da vedere.

Ne saranno felici i giornalisti che adesso si concentrano sulla questione della moviola in campo, proprio come era stato sostenuto e richiesto anche da Lotito.

(*) su segnalazione dell’interessato è stato modificato il contenuto di questo articolo rendendolo  maggiormente corrispondente alla realtà. Ci scusiamo per l’inesattezza precedentemente dimostrata. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>