Prima Divisione: girone A, presentazione della 18a giornata

di Samuel 0

Si ricomincia. Da dove si era partiti. La 18a giornata di campionato di Lega Pro, girone A, corrisponde con la prima di ritorno e anche l’ultima gara dell’anno. Partite sempre difficili, con la testa già alle vacanze e al (meritato) riposo. Si partì alla fine di agosto, con il caldo asfissiante e si arriva ad un 19 dicembre con tanta neve che renderà molti campi ai limiti della praticabilità.

La sfida più affascinante di giornata si gioca a Gubbio, dove la capolista orfana di mister Torrente in panchina (squalificato per cinque turni) ospita la Cremonese che una settimana fa ha fermato il Sorrento sullo 0-0. Non una gara complicatissima per il Gubbio, che deve stare però attento alla voglia di rivalsa, dopo che nella gara d’andata venne sconfitto per 5-1. Il Sorrento vice-capolista non avrà vita facile all'”Arechi” contro una Salernitana ferita nell’orgoglio che deve vincere soprattutto per puntellare la panchina di Breda e per non perdere il treno-promozione. All’andata finì 2-2, ma quella era un’altra storia. Di questo duello potrebbe sicuramente approfittarne la Spal che ospita un Bassano non in grandissima forma. Interessante la sfida tra Alessandria e Spezia: in palio un posto in zona d’onore per chiudere al meglio il 2010. Pavia-Lumezzane servirà soprattutto per allontanarsi dalla zona calda, mentre Pergocrema-Monza è la vera sfida salvezza della 18esima giornata: chi vince manda l’altra all’inferno. Prove di alta classifica per l’Alto Adige: se i bolzanini dovessero vincere contro la Reggiana, i sogni potranno trasformarsi in realtà. La giornata si chiude lunedì sera con la sfida tra Verona e Paganese, due deluse del campionato. Per la squadra di Mandorlini una sconfitta vorrebbe dire passare un Natale da incubo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>