Lega Pro, scoppia la polemica sui diritti tv

di Samuel 0

La Lega Pro è pronta alla battaglia sui diritti tv. L’1,5 per che spettano ai club secondo quanto già dichiarato dal presidente Mario Macalli è una percentuale che la Lega Pro ritiene “assolutamente inadeguata per lo sviluppo di un movimento che punta sui giovani e si pone tra gli obiettivi a medio termine quello della riforma dei campionati”. “Riteniamo un primo passo quello di aver spostato la percentuale dall’1% all’1,5% ma non basta – fa sapere la Lega Pro -. Quello che noi vogliamo è che l’asticella si alzi fino al 3% e per questo siamo pronti a combattere con tutte le armi legali in nostro possesso. Le modifiche al decreto Melandri sono inopportune e ora chiediamo che in Senato si intervenga per farci avere quello che ci spetta”.

Grana stipendi – Lega Pro sempre più sull’orlo del collasso. Le proteste dei calciatori del Catanzaro e della Pro Patria che domenica si sono seduti in campo contro le loro società che da mesi non gli pagano gli stipendi, hanno riportato all’ordine del giorno i problemi di una categoria che non ce la fa più a tirare avanti. Il presidente Macalli avverte: “Io credo che siano una trentina i club che non pagano gli stipendi. E ora siamo solo a dicembre, figuriamoci a maggio. Una situazione disastrosa. Sarà un campionato pieno zeppo di penalizzazioni. Ma che senso ha?”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>