Lega Pro sul piede di guerra per i diritti tv

di Redazione 0

La Lega Pro torna sul piede di guerra: presentata oggi infatti un’istanza di arbitrato nei confronti delle due leghe pricnipali del calcio italiano, la Lega di serie A e quella di serie B, per la ripartizione dei diritti tv.

La Lega di A, presieduta da Maurizo Beretta, è infatti accusata di non aver proceduto alla ripartizione di una quota di mutualità per la stagione 2010/2011, secondo i criteri di equità e buona fede.

Ecco dunque scaturire la protesta. E allora la Lega Pro chiede dunque il versamento delle quote e il risarcimento del danno, nonchè gli interessi. Mario Macalli, Presidente della Lega Pro, attacca la federazione, e così Petrucci, numero uno del Coni risponde. Attraverso una pubblicazione sui giornali di una pagina a pagamento contenente accuse sulla trasparenza della legge sugli stadi e sulla ripartizione dei diritti audiovisivi, Macalli ha avanzato una minaccia di sciopero se i soprusi non dovessero finire. Petrucci no ha proprio mandato giù le modalità della protesta e ha tuonato:

“Non si può minacciare e insultare a destra e a manca,  non è una bella immagine per tutto quello che sta facendo la Federazione. Ho chiamato personalmente Abete e Macalli, che è anche vicepresidente federale, per comunicare il mio disappunto. Il presidente della Figc ha condiviso il mio rincrescimento totale“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>