L’addio di Foti al Lecce

di Redazione 0

Un triste epilogo quello di Salvatore Foti. Dalle faville di inizio stagione all’amaro saluto. All’avvio del campionato il centravanti era stato il trascinatore della squadra. Gol su gol che hanno condotto i salentini al primo posto solitario in classifica.

Poi un infortunio ne ha minato il prosieguo del campionato. La schiena ha condizionato il suo impiego, nonché il rendimento di tutta la squadra. Il Lecce rimane in LegaPro, ma Foti saluta. Il suo contratto, ufficialmente scaduto, non verrà rinnovato.

Foti è dunque ufficialmente svincolato. La società e il giocatore sono rimasti in ottimi rapporti ma da tempo hanno scelto di separarsi. Scelta dettata dalle esigenze del giocatore, che vuole continuare altrove la sua carriera. I motivi? E’ lo stesso Foti a renderli pubblici:

Fino a gennaio mi sono trovato benissimo, poi non mi sono piaciute alcune scelte ed alcune situazioni. Di questo ne ho subito parlato con la società e, dunque, sapevamo già di doverci separare a fine stagione indipendentemente dal risultato finale. Ho fatto dei bilanci e ho preferito ripartire per mio conto.

Adesso Foti non pensa al futuro, malgrado ben presto iniziaranno i ritiri. Non teme di non trovare una sistemazione, magari nuovamente dalla serie cadetta. Il suo obiettivo, dopo averci giocato a lungo, è quello di tornarci. Voleva tornarci con il Lecce, squadra che merita ben altri paolcoscenici. Ma così non è andata.

Adesso è il tempo di ringraziare e salutare tutti i tifosi:

Con loro mi sono trovato davvero benissimo e non ho mai avuto alcun problema con la gente. Dentro di me rimarranno, sicuramente, dei bellissimi ricordi da questa esperienza. Mi auguro e auguro a tutti loro di ritrovarci da avversari in serie B l’anno prossimo, perché quella piazza merita il meglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>