Risultati finali play-offs Prima Divisione 2013, l’andata va al Carpi, pari nel girone B

di Marco Mancini 0

Una rete di Concas al 72′ dà il massimo risultato possibile al suo Carpi. Sugli sviluppi di un calcio di punizione di Kabine il centrocampista del club emiliano devia di tacco il pallone alle spalle di Benassi per l’1-0 che concede un minimo di vantaggio ai suoi compagni per la gara di ritorno al Via del Mare. In una gara condizionata dalla pioggia il primo a farne le spese è lo spettacolo, visto che probabilmente per la tensione che c’era in campo, le due squadre si sono volute scoprire poco.

Il secondo a pagare il terreno duro è l’attaccante leccese Jeda, fermato da un problema muscolare pagato dalla sua poca prestanza fisica. Le prime emozioni invece si hanno solo sul finire di primo tempo quando, durante una mischia in area leccese, Letizia coglie il palo a Benassi ormai battuto. La ripresa sorride ancora ai modenesi che vedono uscire per infortunio il migliore elemento degli avversari, Chevanton, infortunatosi ad una spalla. E così, senza i suoi due giocatori più importanti, i salentini capitolano. Kabine calcia una punizione deviata da Concas ed è 1-0.

Nel finale il Carpi legittima la vittoria cogliendo un secondo palo, ed il rammarico ora è di non aver chiuso in tempo la partita. Nella gara di ritorno infatti il Via del Mare sarà una bolgia e così riuscire a ripetere la stessa prestazione sarà dura. Con un pareggio passerebbe il Carpi, con una vittoria con almeno due gol di scarto passerebbe il Lecce mentre ricordiamo che, secondo il regolamento, in caso di vittoria per 1-0 dei salentini si andrebbe ai tempi supplementari ma non ai rigori in quanto, grazie ad un miglior posizionamento in classifica, sarebbe il Lecce a passare il turno e raggiungere il Trapani in Serie B. La gara di ritorno si disputerà il 16 giugno.

Nell’altra finale, quella del girone B, la partita è stata molto meno spettacolare. Pisa e Latina hanno pareggiato per 0-0 in seguito ad una gara molto ruvida, conclusa con molti ammoniti e molti lividi. In particolare nel primo tempo sono più i minuti in cui il gioco è fermo per i ripetuti falli che arrivano da entrambe le parti che quelli in cui si è giocato. Al termine dei 90 minuti si traggono due conclusioni, ovvero che il Latina avrebbe meritato sicuramente di più ma che l’occasione per vincere la partita ce l’ha avuta il Pisa grazie a Scappini che prima si fa parare un incredibile tap-in a porta quasi vuota e poi si guadagnerebbe un rigore che però il direttore di gara con fischia. Il ritorno, anche questo il prossimo 16 giugno, decreterà chi raggiungerà l’Avellino in B. In caso di pareggio saranno i laziali a passare.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>