Le ripescate e il colpo del Parma nel calciomercato

di Francesco Commenta

L’estate s’infiamma dopo la notizia delle squadre ripescate per disputare il campionato di LegaPro. Una notizia arricchita dagli ultimi colpi del calciomercato tra cui spicca il colpaccio del Parma che è riuscito ad ottenere Calaiò.

Il Consiglio federale della Figc ha deliberato gli organici relativi alla Lega Pro per la stagione 2016/17, che prevede di avere tre gironi da 60 squadre. Alle 48 squadre già ammesse di diritto, sono state ripescate Fondi, Forlì, Lupa Roma, Melfi, Olbia, Racing Roma (ex Lupa Castelli), Reggina, Taranto e Vibonese. Riammesso anche il Fano, mentre la Paganese dovrà essere iscritta con riserva in attesa del ricorso al Tar che si discuterà il 30 agosto. Il che vuol dire che in sospeso resta anche la situazione dell’Albinoleffe che è l’ultima delle 12 ripescate soltanto se non ci saranno altri ricorsi da parte dei club che in precedenza erano entrati in graduatoria.

Intanto il Parma che non aveva dubbi sulla sua presenza nel campionato di LegaPro anche nella prossima stagione, ha confermato il colpo messo a segno prima dell’avvio ufficiale della stagione. È stato acquistato Emanuele Calaiò dallo Spezia. Questo attaccante è stato ceduto a titolo definitivo agli emiliani che militano da qualche anno in LegaPro. Calaiò è un volto noto del calcio che conta visto che ha vestito la maglia del Napoli, quella del Siena e anche quella del Genoa. Lo Spezia ha reso noto il passaggio con una nota ufficiale:

 

“Lo Spezia Calcio rende noto di aver ceduto a titolo definitivo al Parma Calcio 1913 le prestazioni sportive del calciatore Emanuele Calaiò. A Emanuele il ringraziamento per quanto fatto in maglia bianca, unitamente ai migliori auguri per un futuro ricco di soddisfazioni, sportive e non”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>