Verona, Esposito: “Con Giannini non avevamo un modulo chiaro”

Il Verona di Andrea Mandorlini ha debuttato con un pareggio (1-1) sul difficile campo della Spal: l’ex difensore dell’Inter degli anni 80 è comunque soddisfatto di come la rosa si è comportata.

“Domenica tutta la squadra ha ben figurato, siamo usciti dal campo contenti della prestazione. Ci è dispiaciuto tornare a casa con un solo punto, meritavamo di più: giocando così i risultati arriveranno”.

Un punto a Ferrara ha dispensato un po’ più di fiducia nell’ambiente scaligero: non solo il tecnico (il cui ottimismo nel momento della presentazione ufficiale è sembrato quanto mai giustificato) ma anche i calciatori si sono rinfrancati. Lo racconta piuttosto bene il centrocampista dell’Hellas, Gennaro Esposito.

“La squadra è stata costruita per vincere, purtroppo – ha dichiarato Esposito – sono state incontrate delle difficoltà, ma tramite il gioco metteremo alle spalle il periodo appena passato. Il nuovo tecnico ha portato più unione, stima e serenità. Prima forse subivamo qualche blocco psicologico”.

Poi un’accusa diretta all’ex Principe giallorosso, Giuseppe Giannini, di cui Mandorlini ha preso il posto:

Leggi il resto

Pisa, Battini: “Cuoghi a rischio esonero? No”

E’ scattato l’allarme in casa Pisa ma la panchina del tecnico Stefano Cuoghi non è ancora messa in discussione. La società ha infatti comunicato che, nonostante il terz’ultimo posto in graduatoria e la zona retrocessione che incombe con sempre maggiore veemenza (15 punti in 14 partite, la media di poco più di un punto a gara), non sono previste decisioni eclatanti.

E’ soprattutto in casa che il Pisa non brilla e ha ottenuto la miseria di 2 vittorie: più comprensibile – seppure i numeri siano ugualmente disastrosi – la situazione esterna con 5 pareggi e una sola sconfitta a fare pandan con lo zero alla voce vittorie. Ieri sera la squadra ha fatto il massimo contro un avversario come il Lanciano difficile da affrontare e in corsa per ben altri obiettivi.

Leggi il resto

Lanciano, Camplone: “A Pisa si poteva vincere”

Il Lanciano è riuscito a incamerare il sesto punto in trasferta (su altrettanti pareggi, ancora nessuna vittoria) pareggiando 1-1 in Toscana contro il Pisa (posticipo di Prima Divisione girone B). La gara ha visto gli abruzzesi rincorrere i nerazzurri in seguito alla rete di Carparelli, giunta dopo un quarto d’ora.

A riequilibrare il risultato ci ha pensato Mammarella nella ripresa. A bocce ferme e verdetto definitivo, il tecnico dei quinti in classifica, Andrea Camplone, si è concesso ai microfoni della stampa affrontando lui solo (il Pisa è ancora in silenzio imposto dalla società) i giornalisti. Non ha perso tempo, Camplone, e ha immediatamente espresso la sua soddisfazione nonostante sperasse di sbancare il Romeo Anconetani:

“Continuiamo a pareggiare e questo sta quasi diventando un problema, anche perché in tante partite ci diamo da fare, costruiamo occasioni, ma alla fine ci dobbiamo sempre accontentare. Quella contro il Pisa è stata una gara strana, abbiamo giocato meglio nel secondo tempo contro un avversario che aveva bisogno di punti per uscire da una situazione di classifica deficitaria”.

Riavvolgendo il nastro della gara, il tecnico degli abruzzesi è convinto che qualcosa sia andato storto.

Leggi il resto

Lucchese, Mariotti: “Chiedo scusa ai tifosi”

Alessio Mariotti osserva Marotta andare in gol dopo 49′ di gioco. Emozione multipla, per un vantaggio atteso con veemenza e, va detto, sensazioni forti se capita di aver fatto gol nel mezzo di una plateale contestazione da parte della propria tifoseria.

Lucchese in avanti, è lì che succede un fatto. Nel girone B di Prima Divisione, i toscani erano chiamati a battere il Foligno per spazzare via il più velocemente possibile una drammatica posizione di classifica (terz’ultimo posto a 13 punti, diventeranno sedici alla fine del match).

Missione compiuta in maniera efficace: un 3-0 nel corso del quale i locali – se hanno sofferto – lo hanno fatto all’inizio. Poi, ordinaria amministrazione. Eppure, in occasione della rete di Marotta – fingere non si può – qualcosa è successo: lo stesso Marotta è stato raggiunto dai compagni per festeggiare il vantaggio, Mariotti (il difensore) si è rivolto verso la sua gradinata e s’è lasciato andare a un gesto (ha intimato il silenzio provocatorio) servito a scaldare ulteriormente gli animi.

Beccato per tutta la gara, Mariotti ha avuto modo di provare a spiegarne le motivazioni sulle colonne della Gazzetta Lucchese. Dice Mariotti:

Leggi il resto

Siano dalla Salernitana alla Casertana

Avrebbe dovuto essere l’anno della consacrazione o, quantomeno, la stagione del grande lancio vissuto sulla rampa di una Prima Divisione che si calza a pennello sui giovani talenti. Elio Siano, attaccante di 20 anni in quota alla Salernitana, stava coltivando il sogno di giocare nella squadra della città in cui è nato, nel club di cui è tifoso.

In maglia granata, Siano, aveva esordito lo scorso 4 maggio 2008, allorchè mister Brini gli regalò sedici minuti di gioco nell’ultima giornata del campionato di C1: al triplice fischio, fu festa grande perchjè la città celebrò la promozione in cadetteria.

In serie B, poi, Siano è riuscito a coronare un’altra, piccola soddisfazione: il primo gol ufficiale, per la punta, andata in rete contro il Sassuolo lo scorso maggio: altra gioia immensa frenata, tuttavia, dai destini di una Salernitana che – di lì a poco – avrebbe gustato l’amarezza della retrocessione in Lega Pro.
Disse allora Siano:

Leggi il resto

Gubbio, Simoni incorona Torrente: “Diventerà grandissimo”

Gubbio stellare e, siccome non ce lo si aspettava, si può davvero parlare di sorpresa di stagione. La classifica del girone A di Prima Divisione non lascia adito a dubbi: i 25 punti conquistati dagli umbri equivalgono al secondo posto in solitaria. 8 vittorie e 5 sconfitte per una squadra che pareggia a fatica (una sola ics all’attivo), 18 gol fatti (quarto attacco più prolifico), 14 reti subite (terza miglior difesa) e una organizzazione societaria assai strutturata.

Ci ha messo le mani, nell’organigramma del Gubbio, un grande vecchio del calcio italiano: Gigi Simoni, direttore tecnico del club e autentico uomo del miracolo. E’ stato l’ex nerazzurro a indicare in Vincenzo Torrente l’allenatore ideale e lo stesso ex Genoa sta confermando che quella scelta – sotto ogni punto di vista – si è rivelata vincente. Simoni, nel corso della trasmissione sportiva “Csiamo” in onda su Odeon Tv ha trovato modo di parlare in termini lusinghieri e del suo Gubbio e del tecnico. L’esperienza, per ora da incorniciare, nasce quasi per caso:

Leggi il resto

Posticipo del lunedì: Pisa – Virtus Lanciano 1-1

Posticipo della quattordicesima giornata, Prima Divisione girone B.
Stadio Arena Garibaldi-Romeo Anconetani, Pisa:
Pisa-Virtus Lanciano 1-1
Reti: 16′ pt Carparelli (P), 15′ st Mammarella (VL)

Averlo a disposizione, capitan Carparelli, è di per sè un buon punto di partenza. Lo sa il Pisa, che ala punta si affida con enorme aspettative, e lo sanno i tifosi, di cui lo stesso Marco Carparelli è diventato idolo e riferimento. I pisani hanno un obiettivo dichiarato: risalire la china di una classifica che vede i neroblu invischiati nella lotta per non retrocedere (14 punti con l’Andria, terzultimo posto in graduatoria) e per poterci riuscire servirebbe come il pane la vittoria ai danni di una Virtus Lanciano che non intende mollare le posizioni di vertice (19 con il Gela).

Leggi il resto

Hellas Verona, Mandorlini e Le Noci: “La squadra è viva”

Andrea Mandorlini, subentrato a Giuseppe Giannini sulla panchina del Verona, ha esordito in maniera assolutamente positiva visto che fare risultato sul campo della Spal pareva quantomeno proibitivo.

Invece, l’ex Cluj, approdato nella società veneta lo scorso 9 novembre con l’obiettivo imposto dalla dirigenza di ottenere il salto di categoria, può già essere soddisfatto. L’esperienza in Prima Divisione A comincia con un 1-1 che ha mostrato un buon Verona e consentito al ravennate di mettere su taccuino più di una nota lieta. Le parole del tecnico a partita archiviata:

Leggi il resto

Prima Divisione B 14a giornata: Nocerina, Benevento e Atletico Roma trascinate da Negro, Clemente e Ciofani

Ternana-Gela 2-0: 1′ Nitride (T), 12′ Nolè (T)
Taranto-Juve Stabia 1-0: 43′ Innocenti (T)
Nocerina-Foggia 3-1: 16′ Castaldo (N), 24′ e 65′ Negro (N), 93′ Salamon (F)
Lucchese-Foligno 3-0: 49′ Marotta (L), 80′ Grassi (L), 85′ Costantini (L)
Cosenza-Siracusa 1-2: 5′ Matteini (C), 38′ Mancino (S), 81′ Bufalino (S)
Cavese-Atletico Roma 0-2: 15′ e 71′ Ciofani (A)
Benevento-Andria 2-0: 56′ e 75′ Clemente (B)
Barletta-Viareggio 0-0
Pisa-Virtus Lanciano
ore 20.45

Leggi il resto

Prima Divisione A 14a giornata: Sorrento e Gubbio, vittorie prima dello scontro diretto

Bassano Virtus-Spezia 0-0
Lumezzane-Gubbio 0-2: 9′ Borghese (G), 44′ Gomez (G)
Monza-Cremonese 2-2: 45′ Musetti (C), 74′ Bugno (M), 87′ Nizzetto (C), 92′ Fiuzzi (M)
Paganese-Como 0-0
Pavia-Alessandria 1-1:
82′ Artico (A), 87′ Ferretti (P)
Pergocrema-Reggiana 0-1: 54′ Temelin (R)
Salernitana-Ravenna  1-1: 81′ Montervino su rig. (S), 96′ Rosso (R)
Sorrento-Sudtirol 3-2: 5′ Campo (Su), 24′ e 61′ Paulinho su rig. (So), 46′ Carlini (So), 55′ Marchi (Su)
Spal-Hellas Verona 1-1: 15′ Meloni (S), 44′ Le Noci (V)

Leggi il resto

Nocerina-Foggia 3-1, Negro parla con i gol

Sesta vittoria interna, secondo miglior attacco del campionato e soprattutto primo posto in classifica nel girone B di Prima Divisione con un punto di vantaggio sul Benevento. Stiamo raccontando la situazione della Nocerina che, dopo il 3-1 al Foggia, può davvero sorridere.

Nelle ultime 8 gare la squadra di Auteri ha espresso un calcio spettacolare e ancor di più mostrato di ottenere punti davvero importanti. Negro, con una doppietta, e Castaldo hanno steso i giovanotti di Zdenek Zeman, scosso per la morte della madre, e proprio per questo la gara è cominciata con un minuto di raccoglimento.

Per il boemo una giornata da incubo, con la prima frazione che ha visto i rossoneri in grande confusione e sotto di 2 gol. A garantire la vittoria, anche le scelte azzeccatissime di Auteri, il cui 3-4-3 ha funzionato come un orologio svizzero.

Leggi il resto

Salernitana-Ravenna 1-1, Breda: “Non si può prendere gol così”

La Salernitana delude e non va oltre il pareggio: 1-1 contro il Ravenna che non consente ai campani di risalire la china della classifica di Prima Divisione girone A. Gara condizionata dal terreno pesante e da alcune decisioni arbitrali (Sonicaro di Barletta) che alla fine hanno scontentato tutti. I campani possono recriminare per il fatto di aver visto la vittoria sfuggire di un nulla dopo aver condotto la gara anche in inferiorità numerica per quasi mezzora della ripresa.

Si comincia su ritmi alti: al 9’ la Salernitana crea una doppia occasione con Carrus e Ragusa le cui conclusioni esaltano i riflessi di Rossi. Al 20’ primo episodio dubbio in area campana: è il Ravenna a chiedere il rigore per una vistosa cintura ai danni di Caturano, l’arbitro ammonisce per proteste l’attaccante ospite. Al 25’ è ancora il portiere ravennate a superarsi sul tiro di Ragusa che nella circostanza avrebbe potuto far meglio. Ultimo episodio degno di nota, la prima frazione va in archivio sullo 0-0.

Leggi il resto