Riforma Lega Pro obiettivo tre gironi da 20 squadre

di Samuel 0

Alla fine del Consiglio federale svolto nella giornata di martedì 7 agosto 2012 – durante il quale è stato deciso il blocco dei ripescaggi al termine della stagione 2012-2013 dall’Interregionale alla Seconda Divisione, è stato annunciato che la Virtus Entella disputerà il prossimo campionato di Prima Divisione e sono stati resi noti i gironi dei campionati imminenti di Lega Pro Prima Divisione e Seconda Divisione – è Giancarlo Abete, presidente Federcalcio a rendere conto nel corso della conferenza stampa:

“La decisione assunta è quella del blocco dei ripescaggi dal prossimo anno, la decisione da assumere, invece, da prendere entro il 30 settembre, riguarda la condivisione o meno dell’ipotesi di riforma dei campionati di cui il documento base è stato presentato oggi. Il 30 settembre è la data di riferimento per verificare se l’ipotesi di una divisione unica in Lega Pro con 60 squadre, quindi tre gironi da 20 squadre, trova la condivisione delle Leghe e delle componenti tecniche. Qualora questa condivisione ci fosse, la riforma sarà approvata e comincerà a produrre i suoi effetti dalla stagione 2013-2014. Qualora non ci fosse la condivisione da parte delle componenti tecniche, continueremo ad operare attraverso il blocco dei ripescaggi votato dal Consiglio federale in data odierna e le attuali 69 società non potranno aumentare in quanto l’aumento potrà esserci solo in relazione ad eventuali ripescaggi”.

L’obiettivo di fondo è stato rendicontato dallo stesso presidente Figc:

“Il nostro auspicio è che si arrivi a questo format di tre gironi con 20 squadre. Teniamo conto che negli ultimi 5 anni 58 società di quelle aventi diritto non si sono iscritte al campionato e questo sta a significare che se non avessimo operato con i ripescaggi saremmo già ad un organico di gran lunga inferiore rispetto ai tre gironi da venti squadre”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>