Tritum cerca un’altra impresa, Benevento fiducia ancora al portiere Nodari

Tritium-Benevento

La Tritium definita in questo primo periodo della stagione l’ammazzagrandi cercherà di continuare sulla strada intrapresa anche contro il Benevento. Senza Casiraghi che deve scontare una giornata di squalifica, il tecnico sceglie nuovamente il giovane portiere Nodari e davanti il terminale offensivo è Chimenti. Campani che dopo l’exploit contro il Taranto affrontano questa gara con qualche defezione di troppo, out Grauso e Cipriani, Signorini squalificato, De Risio e Cia potrebbero essere recuperati in extremis dopo la febbre che li ha colpiti durante la settimana. UInica nota positiva il rientro di Pintori.

VIDEO Benevento – Taranto 2-1: Bremec, fischi e bottigliette

Nella personalissima statistica che interessa le due squadre, Benevento ancora imbattuto allo stadio Vigorito contro un Taranto che ha messo in difficoltà i locali nella prima parte di gara. Poi – 13′ della ripresa – l’episodio che ha cambiato la fisionomia alla gara: rosso a Bremec (accolto dal pubblico di casa con fischi sonori) per atterramento in area di Altinier.

Rete dal dischetto di Giovanni La Camera a bissare la marcatura che nel primo tempo gli aveva consentito di pareggiare i conti dopo l’iniziale vantaggio avversario con Guazzo e strada spianata per i locali, che non hanno difficoltà a gestire la partita nei minuti rimanenti.

In mezzo, la sospensione di 20′ per malfunzionamento dell’impianto di illuminazione. La classifica dice ora che per la Ternana il mezzo passa falso casalingo contro il Pavia non è stato dannoso (alla fine, gli umbri hanno guadagnato un punto sui diretti concorrenti per la promozione diretta) mentre il Taranto vede allungarsi il divario dalla vetta a quattro punti. Fronte Benevento: salgono a 15 i punti conquistati sul campo (nove quelli dettati dalla classifica causa penalità).

Non è un bilancio ancora entusiasmante ma, se non altro, i campani si allontanano dalle ultimissime posizioni. A La Camera e Guazzo la palma dei migliori in campo.

Pagelle Benevento – Taranto 2-1

Giovanni La Camera mattatore di serata: al Vigorito, il Benevento si è lasciato trainare da uno degli elementi migliori di annata e – complice la doppietta messa a segno tra primo e secondo tempo – ha beneficiato della prestazione da incorniciare dell’esperto giocatore.

Il Taranto non ha saputo contenere le ripartenze avversarie proprio quando – il risultato era sll’1-1 e i pugliesi già giocavano in inferiorità per il rosso diretto a Bremec per fallo da ultimo uomo su Altinier – il Benevento ha manifestato maggiore facilità di manovra.

Non è stata una bella partita per 45′, poi l’episodio del rosso all’estremo tarantino ha cambiato fisionomia al match. Nel finale, il Benevento avrebbe potuto dilagare ma non è riuscito ad affossare gli ospiti per una serie di errori grossolani di Cia e per l’imprecisione di Sy.

Benevento – Taranto 2-1: La Camera (2) replica a Guazzo; espulso Bremec, Baican disastro. Traversa Chiaretti. Cia, gol annullato. Gara sospesa per 20′, black out impianto illuminazione. I locali salgono a 9 in classifica

Posticipo della decima giornata di Prima Divisione A

Stadio Ciro Vigorito

Benevento-Taranto 2-1

11′ pt Guazzo (T), 17′ pt e 13′ st rig. La camera (B)

La Ternana l’ha messa su un piatto d’argento. Ora tocca al Taranto, sebbene il compito non sia dei più agevoli. A far gli ospiti, nel corso della sfida in posticipo serale a chiudere la decima di Prima Divisione A, sono i pugliesi ma gli onori di casa spettano a un Benevento che non può più nascondersi né fingere che tanto. Tanto il punto basta e avanza.

Gianni Simonelli e Davide Dionigi hanno preparato la partita nel migliore dei modi e, buttato l’occhio verso le sorprese riservate dalla domenica di Lega Pro, si son pure fatti due conti. Il primo, griffato di rossoblu: la Ternana, si diceva, l’ha messa lì così. A metà tra un assist e un tiro cross. E l’occasione – che il più delle volte fa l’uomo ladro – non è di quelle da disdegnare. Il secondo, giallorosso beneventano: adesso le scusanti non esistono più. Né possono bastare i conti depauperati dai punti di penalità perché la classifica dice che i campani bazzicano nelle ultimissime posizioni.

VIDEO Pisa – Benevento 2-0: Perna castiga due volte

Anche a Pisa, prima di cominciare a giocare, si è onorata la memoria di Marco Simoncelli. Il silenzio ha messo i brivisi, come accaduto altrove.

Il campo ha poi raccontato trame che mettono in evidenza il gran bel gioco dei padroni di casa a scapito di un Benevento incapace di rimettere in piedi il match dopo lo svantaggio maturato in seguito alla prodezza di Perna, capace da solo di mettere in difficoltà mezza difesa ospite.

I campani hanno cercato di reagire ma scardinare la retroguardia di casa pareva impresa titanica. Nella bravura di gestire il vantaggio senza rischiare molto, i toscani hanno inoltre provato a chiudere il match con trame strutturate – che non hanno avuto l’esito sperato per via di una frenesia eccessiva al momento dellla conclusione – e con ripartenze in velocità.

Perna show, Pisa gode. Benevento non pervenuto

PISA – BENEVENTO 2-0

  • PISA: Pugliesi, Audel, Benedetti, Raimondi (6′ Lanzolla), Bizzotto (37′ s.t. Ton), Obodo, Gatto (1′ s.t. Ilari), Scampini, Perna, Favasuli, Strizzolo. A disp: Sepe, Berardocco, Tremolada, Perez. All. Pagliari
  • BENEVENTO: Baican, Pedrelli (23′ Kanoute), Anaclerio, De Risio, Siniscalchi, Signorini, D’Anna (37′ s.t. Carretta), Rajcic, Altinier, Vacca, Cia ( 8′ s.t. Falzarano). A disp: Mancinelli, Candrina, Rinaldi, Pieroli. All. Simonelli
  • ARBITRO: Ros (Pordenone), assistenti De Franco (Udine)-Tolfo (Pordenone)
  • MARCATORI: 6′, 4’s.t. Perna
  • AMMONIZIONI: Benedetti, Perna (P.), Cia, Altinier (B.).

Tutti attendevano una grande prestazione e la vittoria del Benevento, e invece è arrivata un’ottima prestazione e la vittoria del Pisa. Pronti via, e al 1′ Pisa già pericolosissimo: Perna vince un rimpallo e si presenta a tu per tu con Baican, centrandolo in pieno.

Pisa – Benevento diretta web 2-0

Prima Divisione A nona giornata
Stadio Arena Garibaldi, Pisa

Pisa – Benevento 2-0
Rete: 6′ pt e 6′ st Perna (P)

L’immediata rincorsa verso i primi posti della graduatoria passa attraverso Pisa: il Benevento affronta i toscani con l’esordio dal 1′ del senegalese Kanoutè. Padroni di casa annunciati con il tandem offensivo composto da Perna e Strizzolo

LE PAROLE DI PAGLIARI

ULTIMISSIME DAI CAMPI

Pisa, Pagliari: «Pronti per il Benevento»

In casa Pisa si vive la vigilia della trasferta di Benevento con un duplice atteggiamento. Da una parte, ovviamente, c’è rispetto verso i campani, ma soprattutto la voglia di far bene contro un avversario candidato alla vittoria del campionato per cancellare subito la sconfitta contro la Ternana:

“Il Benevento è un avversario forte e molto competitivo allenato da una persona seria e preparata come il professor Gianni Simonelli, ma noi abbiamo dimostrato nel primo tempo di Terni di potercela giocare contro chiunque in qualsiasi condizione”.

Sarà quindi un avversario prestigioso col quale confrontarsi che può dare ulteriori stimoli?

“Questo non dipende dall’avversario che domenicalmente ci troviamo davanti ma della prospettiva che una squadra ha. Noi stiamo cercando pian piano di fare un gruppo in grado di sviluppare la propria partita e il proprio progetto di gioco indipendentemente da quello che sia l’avversario che abbiamo di fronte. Dobbiamo conoscerlo anche bene, ma non dobbiamo essere condizionati”.

  • Sperando magari che pian piano l’infermeria si svuoti, il mister aspetterà come al solito le ultime ore per verificare chi ha recuperato oppure no…

Pisa con Perna e Strizzolo; Benevento, novità Kanoute?

I tifosi del Pisa hanno risposto presente: in vista del match casalingo contro il Benevento, pare vi sia l’opportunità di riempire lo stadio.

Entrando nel pre partita del match, ci si trova di fronte a una gara che i nerazzurri sperano di vincere per tornare a far sorridere una piazza che finora non può essere contenta del rendimento della squadra.

Casa Pisa: Bruscaroli, Nicastro, Raimondi e Sodano sono reduci da un lavoro differenziato rispetto al resto dei compagni. Condizioni di rimando non ottimali. Il tandem individuato dal tecnico Pagliari sembra essere quello composto da Perna e Strizzolo: dovranno sopperire all’importante assenza di Tremolada.

Cià, classe e motore per il Benevento

Il Benevento sta uscendo da un periodo di certo non positivo dovuto anche al fatto di essere partito con l’handicap di una penalizzazione oramai cancellata ma in ogni caso in grado di condizionarne l’avvio di stagione. Dodici i punti sul campo, sei quelli in graduatoria. Uno dei fulcri del gioco dei giallorossi in questo scorcio di campionato è il centrocampo e in questi primi due mesi  si è messo in evidenza – tra tutti – Michael Cia.

Polmoni e classe, ha realizzato 4 reti ed è stato in grado di prestare gambe e talento ai compagni. Ventitre anni, è alla sua prima stagione in Campania dopo aver vestito per quattro anni la maglia dell’Albinoleffe. Nella sua prima annata a Bergamo, ha collezionato 18 presenze e nessun gol subentrando  16 volte dalla panchina.

VIDEO Como – Benevento 2-1: Ciotola gol, Lulli show

Strapazzare il Benevento, altro che roba da poco. Serviva il miglior Como, voglioso di mettere da parte un periodo in cui gioco e risultati sembravano andare di pari passo.

Complice un avvio di gara non positivo da parte dei campani, che hanno cominciato a macinare gioco solo nella ripresa, quando il punteggio era in realtà già compromesso, i lariani hanno portato a casa il bottino pieno in virtù delle marcature di Ciotola – tornato ai livelli che gli furono riconosciuti un paio di stagioni or sono quando calcava con il Pisa i campi della cadetteria – e Riva.

Il Como è tornato, Benevento piegato

COMO-BENEVENTO 2-1

Marcatori: Ciotola al 39′ pt; Ripa al 15′ st, Pintori su rig. al 20′ st.

COMO (4-1-4-1): Giambruno; Ghidotti, Zulllo, Urbano, Som; Ardito (dal 21′ st Diniz); Ciotola (dal 9′ st Filippini), Lulli, Lewandowski, Toledo; Ripa (dal 42′ st Tavares). A disposizione: Conti, Ambrosini, Doumbia, Miello. All. Ramella.

BENEVENTO (4-4-2): Baican; Pedrelli, Rinaldi, Signorini, Frascatore; Cia (dal 21′ st D’Anna), La Camera, Rajcic (dal 9′ st De Risio), Pintori; Altinier, Sy (dal 9′ st Vacca). A disposizione: Mancinelli, Candrina, Fogolari, Carretta. All. Simonelli.

Arbitro: Pairetto di Nichelino

NOTE – Spettatori: 1000 circa. Espulso: Zullo al 19′ st e l’allenatore del Como, Ernestino Ramella, al 40′ st. Ammonito: Ghidotti, Frascatore, Filippini, Rinaldi, Pedrelli, La Camera. Angoli: 7-1 per il Benevento.

 

Riscatto e terzo posto. Tutto in una giornata per il Como di Ramella. Dopo le ultime (tre) uscite non brillantissime, i lariani piegano il Benevento al termine di un match bem giocato, nel quale hanno avuto la meglio di una formazione di assoluto livello come il Benevento di Simonelli.