Alessandria-Salernitana: i Grigi che vogliono saldare il conto del 2011

di Francesco 0

I Grigi hanno conquistato la Lega Pro e adesso vogliono evitare di scendere da questo treno in corsa con un match che hanno già disputato in passato e che ha lasciato ai piemontesi l’amaro in bocca.

Al Moccagatta, dopo l’apertura dei botteghini, si è registrato quasi subito il tutto esaurito. Gli spettatori e gli appassionati di calcio hanno deciso di sostenere in modo deciso la squadra di casa. In fondo, quello che è successo nel 2011 sempre contro la Salernitana, non è stato bello ma adesso i Grigi sono una squadra nuova.

Alessandria-Salernitana, alle 20.30 di domani, è il match del primo turno della Tim Cup. Nessuno vuole perdere la sfida, proprio perché bisogna festeggiare la conquista della promozione in Lega Pro e bisogna riscattare la semifinale playoff che si è giocata tre anni fa nel 2011. Di quella squadra, adesso, resta soltanto Andrea Servili che non scende nemmeno in campo ma allena i portieri. Per questo nessuno subirà la pressione della rivincita.

Di Masi ricorda quel giorno della semifinale playoff come un giorno di grande sofferenza. L’Alessandria era in vantaggio per un goal a zero, poi un rigore dato alla Salernitana un po’ a cuor leggero e un rosso rifilato ad un giocatore dei Grigi, ha ribaltato le sorti della gara. L’Alessandria ha perso ma negli spogliatoi è stata accumulata molta tensione, ci sono state delle squalifiche pesantissime per i giocatori piemontesi e la Salernitana ha guadagnato la finale.

L’Alessandria è molto concentrata per la sfida con la Salernitana e risponde pacatamente anche alle provocazioni dei Granata che accusano i Grigi di averli sminuiti. In realtà Di Masi spiega che non è stato mai sminuito l’avversario anzi, dopo i sorteggi la mente è volata immediatamente al 2011 e qualcuno ha anche detto che i campani sono un avversario molto temibile, quasi da evitare. E invece ci sarà battaglia, in campo.

Dopo la Salernitana si penserà all’incontro con il Lanciano e ai calendari della stagione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>