La Nocerina espugna Foggia e torna in B!

di Samuel 0

FOGGIA-NOCERINA 0-1

  • U.S. FOGGIA (4-3-3): Santarelli; Candrina, Romagnoli, Torta, Regini; Burrai, Salamon (80´ Agostinone),Laribi (80´ Varga); Farias, Sau, Insigne. A disp. Ivanov, Caccetta, Tomi, Rigione, Marinaro. All. Zdenek Zeman
  • A.S.G. NOCERINA (3-4-3): Gori; Pomante, De Franco, Di Maio; Scalise, De Liguori (60´ Nigro), Bruno, Bolzan; Catania, Castaldo (88´ Galizia), Negro (75´ Petrilli). A disp. Amabile, Marsili, Cavallaro, Servi. All. Gaetano Auteri.
  • ARBITRO: Marco Bolano di Livorno (Raparelli-Ernetti)
  • MARCATORI: 52´ Pomante

AMMONITI: Romagnoli, Burrai (F); Di Maio (N)

  • NOTE: Giornata soleggiata, terreno in buone condizioni. Spettatori 6.665 (paganti più abbonati, circa 800 tifosi provenienti da Nocera) per un incasso di € 100.380 (rateo abbonati più paganti). Corner 2-7. Recupero 2´ pt; 5´ st.

Al Foggia non riesce di guastare la festa alla Nocerina e lo Zaccheria viene violato per uno a zero, risultato che manda in B i campani e complica maledettamente la corsa play-off dei satanelli a tre giornate dalla fine del campionato. Doveva e poteva andare diversamente: alla fine, invece, la rabbia del Foggia è pari alla felicità dei campani: “protagonista” l´assistente Raparelli di Albano Laziale che annullerà ben due gol apparentemente regolari ai rossoneri, cui si aggiunge un altro “bollato” dall´arbitro Bolano.

Ma andiamo con ordine. Gli ingredienti per una bella partita ci sono tutti: punti preziosi in palio, bella giornata, tifoserie “calde”. Zeman ritrova i sapienti piedi di Burrai a centrocampo a preferisce Andrea Torta a Michele Rigione in difesa. Nel primo tempo le due squadre non deludono le attese. Il primo squillo è del Foggia con un tiro dalla distanza di Farias che però non impensierisce Gori. La Nocerina non sta a guardare e si affaccia con il suo tridente dalle parti di Santarelli senza però graffiare. Al 25´ lo Zaccheria a momenti viene giù: Laribi pesca Sau davanti al portiere, il bomber si fa parare il tentativo, sulla ripresa Farias incrocia ma manda a lato di pochissimo. I satanelli prendono coraggio, Farias fa ammattire i difensori campani e poco dopo è Insigne con un bolide da 30 metri a far venire i brividi a Gori. La Nocerina soffre, il pubblico foggiano lo capisce e lo stadio è ormai una bolgia. Il finale di tempo è però di marca ospite, che si fanno vedere alla mezz´ora con un tentativo di Scalise all´interno dell´area che Santarelli neutralizza, e l´occasione ben più pericolosa di Castaldo che a pochi passi da Santarelli si distrae e manda a lato. Il Foggia si appisola e ha un ultimo sussulto con Insigne che costringe Gori alla respinta, ma per la prima frazione può bastare così. Finisce a reti bianche tra gli applausi divertiti del pubblico.

Ad inizio ripresa lo Zaccheria grida subito al gol: Sau vince di forza il duello con De Franco, si libera e insacca ma l´arbitro vede un fallo dell´attaccante e annulla. Al danno si aggiunge la beffa poco dopo: al 52´ Pomante batte Santarelli in mischia su calcio d´angolo, mandando in visibilio i tifosi campani. Il Foggia però non molla, si lotta ormai su ogni pallone. Santarelli è costretto agli straordinari per fermare un bolide di Catania. I rossoneri spingono, ci provano soprattutto dalla distanza come al 62´ Burrai che spaventa Gori, che sventa in tuffo. La Nocerina stringe le maglie in difesa e trovare la via del gol diventa impresa ardua. Al 70´ ci riesce Laribi che trova Regini in area, cross basso su cui Sau devia di un soffio a lato. La gara si accende, il nervosismo si tocca a fior di pelle. Zeman prova a dare una scossa e gioca a trazione anteriore, dentro vanno Agostinone e Varga al posto rispettivamente di Salamon e Laribi. I cambi però non sortiscono l´effetto sperato, il Foggia non ne ha più e nel finale c´è solo da recriminare: protagonista ancora il guardalinee Raparelli, che annulla due gol (il primo a Sau, il secondo a Candrina) per due off-side alquanto dubbi. Finisce in festa, ma per i campani. Lo Zaccheria è una furia, ma per i giocatori di Zeman ci sono comunque applausi. Per i rossoneri però niente belle sorprese nell´uovo, la Pasqua non poteva essere più amara.

Fonte: ufficio stampa Us Foggia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>